Home Indice poesie
Tracce di pulviscolo

Entra negli altri,
sii gli altri,
Ci sarà sempre... qualcos'altro."

          (da "Il re muore" di Jonesco )

"In fondo c'è solo l'amore. Qualunque esso sia."

          ( Pablo Picasso )

Il mio carillon

Si fa presto a dire:
"Vivi la vita attimo per attimo"
ma ti par di morire
quando ricevi una scossa
e ti senti dire:
"Vattene!" - Poi nell'acido tuo animo
non ti va di sentire
quanto la rabbia è rossa.

Rompi un vaso
per sfogarti;
ficchi il naso
in più parti

per trovare un interesse
qualsiasi, dimenticare.
Ma rancore in te tesse
la smania di vendicare

la cattiveria subita.
E metti su qualche rumore;
i pugni stringono dita
ed ira alimenta rancore.

Improvviso
suona il postino.
"In fondo...": quattro righe soltanto.
Il tuo viso
parla vicino.
Mi calmo...; godo breve incanto.

Si fa bene a dire:
"Vivi la vita attimo per attimo".
E perché non soffrire
quando ricevi una scossa
e ti senti dire:
"Vattene!" - Se nell'acido tuo animo
non ti va di sentire
quanto la rabbia è rossa...

Cerca qualcuno, chiunque, cui voler bene.
Cerca l'amore: più tu non avrai pene.

Trieste, 1 ottobre 1973

Indice poesie Home Potete inviare commenti (possibilmente non insulti)
contributi, suggerimenti all'autore: Diego Cattaruzza